Formazione Santa Filippa

La formazione cristiana per un futuro brillante

Invia le tue richieste a:
3385482341

Come si fa la cessione ramo d’azienda

Come si fa la cessione ramo d’azienda

In un’ economia ancora così instabile dopo la crisi dei recenti anni, può capitare che un imprenditore si trovi costretto a cedere la propria azienda o una parte di essa. Sui procedimenti per compiere tale transazione però vi è parecchia confusione, soprattutto da parte di chi non si intende di legge. In questo articolo cercheremo di spiegare in modo semplice e diretto quali sono i passaggi da affrontare per eseguire una cessione di un ramo d’azienda secondo le norme vigenti.

La figura preposta al regolamento della cessione di un ramo d’azienda è il notaio, esso infatti tramite uno specifico atto di cessione ha il potere di rendere effettiva la volontà delle parti che compiono la transazione, oltre ad essere una preziosa fonte di consulenza nell’ottimizzazione del processo di cessione. Al notaio spettano alcuni compiti specifici come:

  • evidenziare tutti gli elementi essenziali richiesti dalla legge per la validità del contratto;
  • procedere alla puntuale descrizione dei beni e diritti oggetto dell’azienda trasferita;
  • aiutare le Parti ad elaborare ed inserire in atto le clausole e le previsioni più adatte al caso concreto.

Le parti che intendono effettuare la cessione di un ramo d’azienda invece devono tenere conto di alcuni obblighi di legge come ad esempio il fatto che l’acquirente deve subentrare al proprietario nei contratti d’azienda; eventuali crediti verranno ceduti all’acquirente nel momento stesso dell’iscrizione nel registro delle imprese dell’avvenuta cessione; chi cede non è sollevato dai propri debiti se anteriori al trasferimento, salvo accordo coi creditori; è possibile cedere insieme al ramo d’azienda anche il contratto di locazione dell’ immobile senza necessità di approvazione da parte del proprietario del terreno a patto che esso venga avvisato della cessione tramite raccomandata; i lavoratori dipendenti conservano i loro contratti anche dopo la cessione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *